Chirurgia estetica occhi: Più luce allo sguardo

Un piccolo ritocco, di pura civetteria, realizzato con un alleato oramai insostituibile nel campo dell’estetica: il laser. Un’incisione di pochi millimetri per avere occhi più grandi e luminosi e ritrovare uno sguardo più malizioso e sensuale.

Occhi specchio dell’anima ma anche centro magnetico della bellezza del viso. Nella vita di tutti i giorni gli occhi sono importantissimi non solo per cogliere la miriade di informazioni che ci trasmette l’ambiente esterno ma anche per comunicare con chi ci sta attorno in un linguaggio che a volte é più diretto di quello parlato o via cavo: il linguaggio delle emozioni.  Avere occhi belli è sen’altro un bel biglietto da visita e la bellezza di uno sguardo non sta solamente nel colore più o meno intenso dell’iride ma in una serie di piccole sfumature come il taglio, il diametro, la disposizione e la quantità della ciglia. Tutti possono far risaltare al meglio il proprio sguardo e dalle pagine dei giornali i make-up artist gareggiano per dare consigli e dritte per ogni soluzione. Per un risultato di maggior effetto e soprattutto duraturo molte donne ricorrono al laser per ingrandire in pochi secondo il diametro del proprio occhio, facendolo risaltare al meglio in estetica e sensualità.

SE LA LORO FORMA NON CI CONVINCE

Da cruccio può sfociare in mania, come testimonia Laura, studentessa diciannovenne. “Ho una vera ossessione per i miei occhi: mi sembrano piccoli, anonimi, insignificanti. Passo molto tempo davanti allo specchio a cercare di renderli più attraenti ma a volte mi rendo conto che con matita e eye-liner combino solo pasticci. Figuratevi che per avere uno sguardo più fascinoso, pur non avendo problemi di vista, indosso perfino occhiali dalle lenti di vetro. Ne possiede quattro paia, di diversa montatura e colore…”. Più moderata, ma ugualmente insoddisfatta é Mariella, architetto trentenne: “quello che non mi piace dei miei occhi é che sono troppo tondi: mi piacerebbe che avessero una forma più allungata, orientaleggiante. Secondo me si adatterebbero meglio alla mia fisionomia e al mio caschetto corvino e sarebbero anche in sintonia con le ultime tendenze che puntano all’esotismo.”  La soluzione per queste due donne, che hanno espresso desideri così differenti tra loro, sta nella cantoplastica laterale, un piccolo intervento realizzato in anestesia locale sul profilo esterno della palpebra, molto in voga in questi ultimi tempi.

E’ QUESTIONE DI UN PAIO DI MINUTI

Li preferite grandi, con il taglio a mandorla oppure all’ingiù per un effetto più languido? Con una breve seduta laser é possibile cambiare la forma degli occhi ed ottenere, a seconda della preferenza, uno sguardo più dolce ed allegro, fascinoso o decisamente sexy.  Il ritocco richiede solo 2-3 minuti per occhio – spiegano gli specialisti del Pallaoro Medical Laser di Padova, centro specializzato in chirurgia laser d’avanguardia. In pratica, si interviene incidendo con il laser ad anidride carbonica un piccolo legamento fibroso che va dalla parte laterale della palpebra all’osso orbitario. Eseguita l’incisione, il legamento verrà riposizionato in modo da modificare l’altezza e l’angolatura dell’occhio. Il risultato é entusiasmate: il diametro dell’occhio viene ingrandito di un millimetro e la sua espressione risulterà più bella ed intensa.

NESSUN PERICOLO E CONTROINDICAZIONE
La cantoplastica laterale a mezzo laser é un intervento assolutamente innuoco e privo di complicanze. Chiunque, donna o uomo, può sottoporsi a questa seduta di pura civetteria, a meno che ovviamente non abbia in corso un’allergia od un’infezione dell’occhio. Nessun pericolo inoltre dal punto di vista della sicurezza: l’incisione (che non lascerà la minima cicatrice) della parte esterna della palpebra non può danneggiare in alcuna maniera la capacità visiva in quanto non interferisce con la struttura interna dell’occhio. L’intervento é accessibile anche a chi indossa regolarmente le lenti a contatto: é sufficiente far riposare gli occhi per una settimana (due giorni se si indossano lenti morbide) per trattarli nel modo in cui siamo più abituati.

COSA FARE DOPO
Terminata la seduta di ingrandimento occhi, ci sono dei particolari accorgimenti da rispettare? Nessuno. E’ suffciente indossare un paio di occhiali scuri per nascondere il piccolo punto di sutura al margine della palpebra (che verrà rimosso il giorno successivo l’intervento) ed applicare eventualmente un collirio, nel caso si avvertisse un leggero senso di irritazione. A distanza di 24 ore ci si potrà truccare normalmente e sfoggiare un nuovo sguardo, più magnetico ed accattivante.

MOLTO RICHIESTO DALLE MODELLE
Chi richiede con maggior frequenza il rimodellamento della forma dell’occhio? Le donne, soprattutto le più giovani molte delle quali modelle o legate al mondo dello spettacolo. Le richieste arrivano comunque anche da una piccola minoranza di uomini. Il taglio più richiesto da questi ultimi? Gli occhi a mandorla: una forma che riscontra molto anche i gusti femminili.

IO L’HO SCELTO PERCHE’…
“… volevo dare più importanza al mio sguardo e anche perché sinceramente ero stanca di dover sottostare a lunghe sedute di trucco. Nel mio lavoro non é determinante solamente l’aspetto del corpo ma anche quello del viso. Con gli occhi io comunico un messaggio e catturo l’attenzione del pubblico anche se devo solo pubblicizzare un paio di stivaletti.”
Danielle

 

GLI INESTETISMI CHE SI POSSONO CORREGGERE

OCCHI TROPPO PICCOLI
Specie se ravvicinati, tolgono vivacità allo sguardo: é sufficiente allargare di qualche millimetro la fessura oculare per dare all’occhio più luminosità.
OCCHI TROPPO TONDI
Con il laser é possibile dare all’occhio una forma morbida ed allungata, più in armonia con il resto dei parametri facciali.
TAGLIO NON DEFINITO
Toglie linearità alla zona occhi, rendendoli meno attraenti. Per spostare l’accento sullo sguardo basta prolungare anche di un millimetro la linea palpebrale, spostandola a piacimento verso l’alto (occhi a mandorla) o verso il basso (taglio all’ingiù).

 

ASIMMETRIA TRA UN OCCHIO E L’ALTRO
E’ normale che un occhio sia leggermente più piccolo dell’altro ma quando la differenza di diametro é lampante si può intervenire con il laser per riequilibrarne le proporzioni.

E PER CIGLIA PIU’ FOLTE?
Anche in questo caso é utile il laser, con un piccolo intervento di autotrapianto. Lo strumento é così sofisticato che consente di intervenire con precisione sulla linea cigliare, infoltendola e rendendo l’occhio ancor più seducente.