Rinoplastica: Un naso più bello

La rinoplastica è l’intervento che ha come finalità rimodellare la forma del naso. L’intervento può avere finalità estetiche o estetico/funzionali. In quest’ultimo caso (rinosettoplastica), si interviene sul setto nasale deviato per cause congenite o traumatiche.

QUANDO FARLA E QUANDO NO

Se la dismorfia presenta solo implicazioni estetiche, l’intervento può essere effettuato quando il soggetto ha maturato il desiderio di una nuova immagine da dare al naso. Se invece la deviazione del setto comporta ostacoli per la respirazione (favorendo la roncopatia ed altri disturbi), é opportuno intervenire al più presto. Ad ogni modo é consigliabile sottoporsi alla rinoplastica dopo i 16 anni d’età, al termine della fase di sviluppo osseo.

Un apprezzabile rimodellamento del naso non deve stravolgere la fisionomia del viso e deve pertanto essere valutato tenendo conto di alcuni parametri soggettivi come le caratteristiche del viso, il sesso, l’altezza, la corporatura, l’età e perfino la personalità del soggetto. Questo nuovo concetto di intendere la rinoplastica come ricerca di un’armonia d’insieme viene definito con il termine di rinoscultura.

COME SI SVOLGE L’INTERVENTO

Le dismorfie del naso sono molteplici e a volte concatenate per cui richiedono procedure chirurgiche specifiche a seconda delle necessarie correzioni. Come già accennato si può intervenire sul setto nasale deviato ma anche sul gibbo (la gobba posta sul dorso, che può essere cartilaginea ma anche ossea), sulla punta (larga, carnosa, prominente, cadente), sulle narici (quando sono larghe) oppure sulla columella, cioé l’angolo che rifinisce il naso (quando é procidente o deviata).

COSA SUCCEDE DOPO

In media un intervento di rinoplastica dura dai 20 ai 30 minuti. La medicazione prevede alcuni punti di sutura e l’applicazione di due tamponi da rimuoversi dopo 24 ore. Per alcuni giorni si dovrà inoltre indossare una mascherina contenitiva, facendo attenzione a non esporre il naso a traumi.

DA NON DIMENTICARE

L’intervento non lascia cicatrici visibili in quanto si interviene esclusivamente attraverso le narici. La moderna rinoplastica si avvale dell’utilizzo del laser CO2 pulsato, che riduce sensibilmente la comparsa dell’edema post-operatorio, accelerando di conseguenza il processo di riassestamento dei tessuti. Viene in ogni caso consigliato un ciclo di linfodrenaggio manuale e laser terapia. Divieto di esporre il viso al sole fino alla completa guarigione.

La rinoplastica – uno degli interventi più famosi e richiesti del mondo – ha come obiettivo la correzione degli inestetismi del naso. L’intervento di rinoplastica corregge in particolare il gibbo, la lunghezza e larghezza del naso, le narici e la columella.