Viso solcato dalle rughe? Prova il lifting che non lascia cicatrici

E’ tempo di darti una “tiratina”? Oggi hai un motivo in più per sottoporti ad un lifting viso: con la tecnica vettoriale, realizzata attraverso incisioni piccole e  nascoste, potrai ritrovare un viso più giovane, senza inestetici segni.

Chissà da quanto tempo le hai stampate sul viso e magari non te ne sei manco accorta. Poi qualcuno, scherzando, ti ha fatto notare che stai invecchiando ed allora ti sei scrutata allo specchio con ansia. Eccoli lì i primi, insidiosi, segni che annunciano lo sfiorire della tua giovinezza: rughe, dapprima sottili e poi via via sempre più profonde ed accentuate, dovute al rilassamento della zona temporale, della fronte, delle guance. Stai facendo la conoscenza con un processo – quello dell’ invecchiamento muscolo-cutaneo – inevitabile, ma non per questo inarrestabile. Se proprio non riesci ad arrenderti al tempo che passa, perché non fermarlo a livello di pelle? Per regalare al tuo viso cinque, dieci anni di meno puoi sottoporti all’intervento di lifting facciale, oggi realizzato secondo le migliori procedure al fine di restituire al viso la giovinezza perduta senza lasciare tracce chirurgiche evidenti.

Ne hai bisogno anche tu?

Le rughe ovviamente non compaiono nell’arco di una sola notte. Al loro esordio, non risultano particolarmente “inestetiche”, anche perché possono essere scambiate per normali segni di espressione. Si può intervenire già da adesso? Meglio un intervento preventivo in modo da beneficiare subito del ringiovanimento e  da evitare, con il peggiorarsi della situazione, un intervento più invasivo e radicale.

Ad ogni modo, il momento ideale per sottoporsi al lifting del viso è soggettivo: dipende dal grado di volontà che il soggetto ha di migliorarsi esteticamente. Per alcune persone la presenza di rughe può essere considerata addirittura un vanto, per altre un peso insopportabile da accettare.

Da dove si incomincia?

A volte è proprio il gioco mimico ad accelerare il rilassamento del viso. Altre volte possono essere fattori fototossici (l’esposizione al sole ed agli agenti atmosferici in generale favorisce il proliferare dei radicali liberi), l’alternanza di ingrassamenti/dimagrimenti od errate abitudini (il fumo, ad esempio, favorisce la comparsa delle rughette periorali). “Uno dei primi segni visibili dell’invecchiamento è comunque l’aumento della distanza tra occhio e guancia. Per ringiovanire in particolare tale zona si può ricorrere alla tecnica di risollevamento vettoriale, che comporta apprezzabili benefici estetici anche sui sottili tessuti della palpebra inferiore, prematuramente soggetta ai danni del tempo.”

Una tecnica al top

Il lifting vettoriale non è una tecnica recente (alcuni chirurghi la impiegano da anni) e nemmeno ampiamente diffusa, nonostante i grandi vantaggi che la procedura offre sul campo estetico (primo fra tutti, la non visibilità delle cicatrici). Come mai? “La motivazione è da ricercarsi sul piano “tecnico” questo tipo di procedura implica un’elevata abilità chriurgica ed un’ampia conoscenza dell’anatomia.”  La tecnica prevede un’incisione della zona temporale (nascosta tra i capelli) ed un’altra praticata all’interno della bocca per consentire l’accesso alla guancia). Il ringiovanimento della parte centrale del volto può essere ad ogni modo realizzato con altre varianti, altrettanto sicure, affidabili ed esteticamente apprezzabili.” Nel caso si volesse intervenire in maniera globale, il lifting vettoriale potrà essere realizzato contemporaneamente ad altre tecniche chirurgiche per la correzione anche del terzo superiore ed inferiore, in modo da ottenere un ringiovanimento totale del viso (total facial rejuvenation).

Ideale in caso di…

Zampe di gallina

La fitta rete di rughette perioculari chiamata comunemente zampe di gallina viene corretta grazie al risollevamento della zona temporale.

Borse sottoculari

Nel corso del lifting, si corregge anche le borse agli occhi della palpebra inferiore asportando l’eventuale eccesso di cute e grasso

Abbassamento delle sopracciglia

Il risollevamento della zona temporale consente un significativo rialzo delle sopracciglia, regalando più apertura e sensualità allo sguardo

Caduta delle guance

Intervenendo dall’interno della bocca, si ottiene un ottimale rassodamento delle guance senza esiti cicatriziali visibili esteriormente

Solchi naso-labiali

Le due brutte “parentesi” tra naso e bocca vengono notevolmente appianate grazie al risollevamento delle guance

Niente piu’ cicatrici visibili!

La tecnica di lifting vettoriale ha il vantaggio di non sortire cicatrici esposte alla vista. Il risollevamento della struttura muscolo-cutanea del viso avviene infatti attraverso incisioni praticate sulla fascia temporale ed all’interno della bocca. Con tale procedura si evita così di incidere la zona anteriore dell’orecchio, l’unico inconveniente (seppur correggibile, a distanza di due mesi dal lifting, con la  mosaic surgery) del lifting tradizionale.

Il lifting vettoriale, come del resto tutti i lifting dell’ultima generazione, avviene nel pieno rispetto dei tratti somatici (ovvero ringiovanisce senza stravolgere la fisionomia), senza interferire minimamente con il gioco mimico.

 

Il post operatorio

Grazie alla sua minore invasività, il lifting vettoriale favorisce un più rapido processo di guarigione ed un ritorno al sociale pressochè immediato. Al termine dell’intervento, viene applicata la classica fasciatura “a turbante” del lifting, che verrà rimossa a distanza di una settimana dall’intervento assieme ai punti di sutura praticati tra i capelli (quelli presenti nella zona endo-orale, ovvero all’interno della bocca, sono invece riassobibili). Non sono necessari inoltre trattamenti post operatori mentre rimane valido l’accorgimento di non esporre il viso al sole per almeno 20 giorni.